Imagination has no barriers
Training course Erasmus+ coordinato dall'organizzazione ungherese Association Co-Efficient di cui Uniamoci Onlus è partner di invio. Il progetto mira ad introdurre un nuovo strumento per gli operatori giovanili, il Gioco di Ruolo dal Vivo o GRV (LARP in inglese) ed a dimostrare come possa essere impiegato per l'inclusione dei giovani con bisogni speciali. Il corso di formazione mira anche ad incrementare la consapevolezza dei bisogni delle persone con disabilità ed a fornire una conoscenza diretta su come soddisfare questi bisogni. Essendo loro stessi a pianificare la metodologia, questo nuovo strumento nel tool kit degli operatori giovanili consentirà ai partecipanti di pianificare e realizzare attività integrate che coinvolgano giovani con bisogni, abilità e limitazioni differenti in accordo con gli obiettivi del programma Erasmus+. Info
ART for START
Seminario dal 10.01.2017 al 17.01.2017. ART for START si è svolto a Bitola in Macedonia, è un seminario sullo scambio di buone prassi sull'uso di tecniche e strumenti artistici per l'inclusione di persone appartenenti a minoranze etniche, categorie svantaggiate e con disabilità. L'evento ha rafforzato le competenze degli youth worker e youth leader che vi hanno partecipato attraverso la condivisione di strumenti e prassi per l'inclusione di persone provenienti da diversi gruppi etnici, persone bisognose, provenienti da aree urbane deprivate e con disabilità. Paesi Partecipanti: Associazione Uniamoci Onlus Italia, Macedonia, Portogallo, Ucraina, Polonia, Turchia, Romania, Francia e Georgia. VISITA IL REPORT !SCARICA!. Progetto cofinanziato dal Programma europeo Erasmus+.

Very Normal People
Corso di Formazione Very Normal People coordinato dall'Associazione Uniamoci Onlus. I giovani con disabilità non hanno spesso l'opportunità di far parte di organizzazioni giovanili, a causa di barriere di accessibilità o barriere psicologiche. "Very Normal People" è un corso di formazione che mira a  determinare un miglioramento dei metodi e delle pratiche di animazione socio-educativa delle organizzazioni giovanili, orientandole verso l'educazione inclusiva, affinché organizzazioni giovanili stesse possano farsi promotori della creazione e del lavoro con gruppi di giovani con abilità differenti. Esso si è svolto a Palermo dal 27 Novembre 2016 al 3 Dicembre 2016 ed ha coinvolto 21 youth-workers o volontari che supportano le attività di 7 organizzazioni giovanili provenienti da Italia, Portogallo, Estonia, Romania, Spagna, Polonia, Bulgaria: un percorso di apprendimento non formale originato dall'approfondimento di tematiche quali la disabilità ed i principi dell'inclusione sociale, per giungere a delineare strategie e consigli per l'adattamento di attività di animazione socio-educativa a gruppi integrati composti da giovani con abilità differenti. VISITA LA PIATTAFORMA INCLUSIVE YOUTH WORK. Progetto cofinanziato dal Programma europeo Erasmus+.

Corso di Formazione Dialogo Interculturale e Community Mapping
PALERMO – Come possiamo combattere la discriminazione ed i pregiudizi e costruire città di convivenza pacifica e rispettosa tra popolazioni provenienti da diverse culture? Il progetto IMAP – Intercultural MAP of your city, partito lo scorso giugno e in fase di attuazione fino a dicembre 2017, intende realizzare mappe interculturali delle nostre città che valorizzino le risorse e il contributo delle comunità straniere presenti, e in questo modo favoriscano la conoscenza e la comprensione reciproca tra culture diverse. Il progetto si pone l’ambizioso obiettivo di combattere la discriminazione, l’intolleranza e gli stereotipi, promuovendo il rispetto reciproco all’interno e tra le comunità locali attraverso la ricerca di un linguaggio comune che rispetti e valorizzi le differenze culturali. Comprendendo il valore e l’arricchimento di tutte le comunità che vivono insieme nella stessa località, si da allo stesso tempo ai giovani la possibilità di agire come attori principali del cambiamento e di aumentare il loro senso di appartenenza ad una società in cui poter vivere insieme in pace e in modo costruttivo. La prima fase del del progetto vedrà le organizzazioni partecipanti e giovani rappresentanti delle comunità stranieri impegnati in un Corso di formazione sulle tecniche del community mapping, a Palermo dal 25 al 29 luglio, presso l’Oratorio Salesiano di S. Chiara. La formazione darà loro le competenze necessarie per realizzare, nei mesi successivi, un profilo di comunità della città di Palermo, identificando tutte le espressioni culturali e i rappresentanti delle comunità straniere vorranno essere coinvolti in questo percorso. 
Continua a Leggere
EVS FOR FUTURE
Dal 03.05.2016 all'11.05.2016 Training Course a KRZYŻEWO (Polonia), realizzato dall'Organizzazione Polacca Raido Foundation, con l'Associazione Uniamoci Onlus in qualità di Partner di invio. Il Training Course ha coinvolto 27 partecipanti provenienti da 10 Paesi differenti con l'obiettivo di approfondire le caratteristiche del Servizio Volontario Europeo e di costruire un solido Partenariato per l'invio e l'hosting di partecipanti con bisogni speciali. Progetto cofinanziato dal Programma europeo Erasmus+.





Let's Play Together - Novembre 2015
The training "Let's Play Together" will happen in Oeiras, Portugal and will have as objectives the promotion of the disabled sports for people with physical and sensory disabilities. In the course of this project the participants will have the opportunity to take part in various experiences and have direct contact with this target group that will facilitate the real understanding of their differences and similarities, using sports as a tool for integration and disseminate the image of the rights for All. More than a direct exposure of specific sport activities adapted to people with disabilities, we intend to celebrate the diversity of approaches towards disability in the partner countries, looking for a more active involvement of young people in this area. We intend to involve 30 participants (youth workers with or without experience and young people with physical and sensory disabilities) without age limit, coming from different European countries. We will perform multiple reflections, workshops, group dynamics, field visits and sports practice, including Boccia, Slalom, Volleyball, Athletics and Goalball

Creative Therapy meets YouthWork
Dal 14.08.2015 al 22.08.2015 (Estonia). Objectives: introduce methods based on creative therapies as a tools for social inclusion; to promote the use of methods based on CT in their present and future work; to give participants skills on how to integrate creative methods (music therapy, body movement, visual arts) to their work; to give experience in designing workshops; sharing of good practices by professional therapists and youth workers. 10 countries – Estonia, Croatia, Cyprus, Greece, Italy, Latvia, Portugal, Romania, Spain, Turkey. Info


iCAN
The project is a Mobility of Youth Workers project organized by Kasif Youth and Sport Club Association under Erasmus+ Programme. If you don’t know about the Erasmus+ Programme, first of all we can say that welcome to European oppurtunities. You can learn more about the Erasmus+ Programme by visiting your NA web site. The name of our project is “iCAN”. It is about personal development. It is an European project involve 7 countries. It will realize in Ankara, Kizilcahamam between the dates of 15- 22 March 2015.

SUSTAINABLE VOLUNTEERING
(9 Dicembre 2013 - 16 Dicembre 2013) Realizzato dall'organizzazione Turca Kasifiz.biz, con l'Associazione Uniamoci Onlus in qualità di Partner di invio, ad Ankara (Turchia). Il progetto ha coinvolto 30 partecipanti provenienti da 7 Paesi differenti. Progetto finanziato con il sostegno della Commissione Europea.




European Inclusion
Seminario transnazionale nell’ambito del Programma Gioventù in Azione, coordinato da Uniamoci Onlus e cofinanziato dalla Commissione Europea: 5 giornate seminariali volte ad analizzare e discutere in un contesto multiculturale i metodi ed i presupposti dell’inclusione sociale, svoltesi a Palermo dal 16 Marzo 2013 al 20 Marzo 2013. European ... inclusion” è mirato allo studio delle cause e delle situazioni discriminatorie che portano all’esclusione sociale dei giovani con minori opportunità con la volontà di creare un ciclo di studi capace di analizzare gli strumenti a disposizione nei diversi paesi (tramite la condivisione del know-how di ciascuna organizzazione e delle esperienze di ogni partecipante). Il seminario ha coinvolto 30 operatori giovanili e volontari provenienti da: Italia, Romania, Svezia, Polonia e Lituania. Visita il sito